venerdì 15 maggio 2009

Oh mercy, part II

Avevo espresso qui tutto il mio sdegno per il rimpatrio dei clandestini in Libia. Meglio di me lo fa Francesco Merlo su Repubblica di oggi. Un articolo accorato e intenso, commovente ma sempre lucido, scritto dopo un reportage di Paris Match:

"Quei guanti di lattice, che servono a non toccare l'orrore, sono come il nostro pensiero, come i nostri ragionamenti sull'immigrazione-sì e l'immigrazione-no, le quote, i conteggi, i controlli, le leggi. Le guardie di finanza usano guanti di gomma e noi usiamo guanti mentali. Proprio come loro li indossiamo per non entrare in contatto con il male fisico, con la sofferenza dei corpi. Ma bastano una, due, tre foto come queste per farci scoprire la fisicità. Le guardiamo infatti senza più la mediazione della logica, ne percepiamo l'efferatezza e la bruttura. E saltano i ragionamenti, non c'è più bibliografia, spariscono i distinguo del "però questo è un problema complesso". Ecco dunque la banalissima verità che sta dietro ai nostri dibattiti, al nostro accapigliarci sull'identità e sulle frontiere: stiamo buttando fuori a calci in faccia dei poveretti che ci pregano in ginocchio stringendo le mani delle nostre guardie di finanza, mani schifate e dunque inguantate. "

CONTINUA QUI



1 commento:

Gemelle a rotelle ha detto...

Dio come è vero